mercoledì 3 giugno 2009

David Eddings

è triste
il mio primo autore fantasy
quello che mi ha avvicinato a un genere che continuo tuttora a leggere e che mi entusiasma
Il primo libro me lo ricordo ancora
era il re dei murgos che mio padre aveva comprato per sbaglio all'areoporto prima di un vacanza
ho cominciato dal secondo libro della seconda saga e nonostante tutto ho continuato, li divoravo
mi ero appassionato e affezionato ai personaggi
Al punto che il mio primo nick su internet è stato Durnik, e raramente ho trovato qualcuno che cogliesse l'ispirazione.
Silk, Garion, Belgarath, che per anni ho letto nella mia mente belgareth, sono stati compagni.
è strano sapere che è tutto finito
ma era una notizia che mi aspettavo
da quando ho iniziato a leggere l'ultima saga mi ero messo un google alert sulle news americane e ogni volta che usciva una notizia su eddings mi preoccupavo
così ho saputo della morte della moglie e del tragicomico incendio della sua macchina e ufficio che ha comportato la scomparsa di suoi alcuni manoscritti originale
In suo ricordo riprenderò a leggere i Belgariad
e la cosa migliore da fare per onorarne la vita e l'opera

1 commento:

maria grazia ha detto...

Condivido appieno quello che hai scritto. I personaggi di Eddings sono stati quasi dei familiari per me, a loro mi sentivo legata. Quante volte ho letto, riletto e letto ancora tutto il ciclo di Garion dal primo all'ultimo. Mi manca e difficilmente si troverà un commercio un libro scritto da un autore che sappia fondere così bene avventura ed emozioni. Addio Eddings